";

Associazione Culturale Domenico Modugno official site




STATUTO DELL´ASSOCIAZIONE CULTURALE "DOMENICO MODUGNO"
Art.1 COSTITUZIONE

E´ costituita in San Pietro Vernotico (Br) l´Associazione Culturale "Domenico Modugno".

Art.2 SEDE SOCIALE

L´Associazione ha sede in San Pietro Vernotico (Br) in Piazza del Popolo n. 30.

Art.3 ASSOCIAZIONE CULTURALE "DOMENICO MODUGNO"

L´Associazione è apolitica, apartitica, asindacale e senza alcun fine di lucro.

Art.4 DURATA

La durata dell´Associazione è illimitata.

Art.5 FINALITA´

L´Associazione si propone di organizzare tutti gli associati, indire convegni, manifestazioni, dibattiti, spettacoli a livello locale, regionale, nazionale e internazionale, favorire, valorizzare e diffondere l´arte di Domenico Modugno e, in genere, ogni forma di attività artistica. Aderire ad organizzazioni nazionali e internazionali per il raggiungimento degli scopi sociali.

Art.6 MUSEO CIVICO

L´Associazione ha lo scopo di promuovere la realizzazione di un Museo Civico intitolato alla memoria di Domenico Modugno, nel quale raccogliere, conservare e documentare la sua vita e la sua arte. A tale realizzazione possono aderire Enti Nazionali e Locali, Associazioni Culturali, sponsor e privati.

Art.7 SOCI

Sono soci fondatori i soci intervenuti nell´Atto Costitutivo. L´ammissione all´Associazione dei soci ordinari avviene per delibera del Consiglio Direttivo (C.D.) con votazione segreta e inappellabile, il cui risultato non deve essere motivato. I soci ordinari sono eleggibili alle cariche sociali, purchè abbiano almeno un anno di anzianità associativa. I soci onorari sono nominati dal C.D. con voto unanime. I soci onorari partecipano all´assemblea senza diritto di voto e non possono ricoprire cariche sociali. La qualità di socio si perde:

a.- per dimissioni presentate per iscritto almeno tre mesi prima del 31 dicembre di ciascun anno;

b.- per morosità, secondo i termini fissati dal regolamento sociale e cioè dopo quindici giorni dalla messa in mora;

c.- per indegnità, per comportamenti palesamente contrari agli scopi dell´Associazione e per gravi motivi deliberati dal C.D., su proposta di un componente del Consiglio stesso o su proposta di almeno cinque associati previa contestazione all´interessato del fatto addebitatogli.

Le sanzioni, deliberate dal C.D., vengono comunicato all´interessato dal Presidente. Eventuale ricorso deve essere presentato al C.D. entro trenta giorni dalla data della notifica del provvedimento. Le sanzioni riguardano:

a.- ammonizione

b.- sospensione

c.- radiazione

Art.8 ORGANI

a.- Assemblea generale dei soci

b.- Consiglio Direttivo

c.- Revisori

Art.9 ASSEMBLEA GENERALE

L´assemblea generale è composta da tutti i soci in regola con il pagamento delle quote sociali. Le assemblee sono ordinarie e straordinarie. E´ ammessa la delega scritta. Ogni socio può rappresentare solo un socio. I soci sono convocati in assemblea ordinaria dal Presidente almeno una volta l´anno mediante comunicazione scritta e affissa all´albo, contenente l´O.d.G., il giorno, l´ora e il luogo della riunione, almeno quindici giorni prima della riunione. L´assemblea straordinaria è convocata d´urgenza con le stesse modalità di quella ordinaria, ma con un preavviso massimo di una settimana. L´assemblea ordinaria si riunisce convocata dal Presidente, almeno una volta l´anno entro il mese di gennaio per la discussione e l´approvazione delle attività sociali e del rendiconto. Nomina il C.D. e i revisori, approva le direttive per l´attività dell´anno successivo proposte dal C.D.. L´assemblea nomina due scrutatori in caso di votazioni e un segretario che deve redigere il verbale dell´assemblea.

Art.10 VOTAZIONI

L´assemblea ordinaria e straordinaria delibera validamente in prima convocazione con l´intervento della metà più uno dei soci ed a maggioranza dei voti; in seconda convocazione delibererà a maggioranza assoluta, qualunque sia il numero dei presenti.

Art.11 CONSIGLIO DIRETTIVO

Il C.D. è eletto dall´assemblea a scrutinio segreto ed è composto da cinque membri. esso elegge, al suo interno, il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario, il Cassiere/Economo e il responsabile Organizzativo. Nella prima riunione nomina il Direttore Artistico che opera sulle direttive approvate dall´Assemblea e coordinate dal C.D. con il quale collabora in maniera continuativa. Il C.D. adotta tutti i provvedimenti necessari ed opportuni per il buon andamento dell´Associazione e per il raggiungimento delle finalità di cui agli artt. 5 e 6. Le delibere vengono prese a maggioranza d voti; in caso di parità prevale il voto del Presidente.

Art.12 FUNZIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio: a.- compila il rendiconto preventivo e consuntivo da sottoporre all´approvazione dell´assemblea; b.- delibera sulle domande di ammissione; c.- nomina eventuali collaboratori ed assegna incarichi; d.- approva regolamenti interni, proposti da commissioni create all´interno dell´assemblea; e.- fissa le quote sociali e le tasse di iscrizione; f.- realizza il programma annuale; g.- cura i rapporti con gli altri Club e Associazioni aventi carattere similare; h.- promuove le azioni giudiziarie o amministrative urgenti.

Art.13 POTERI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il C.D. è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell´Associazione senza limitazione alcuna.

Art.14 IL PRESIDENTE

Il Presidente ha la rappresentanza legale dell´Associazione, firma gli atti e i provvedimenti, ha podestà di delega, coordina le norme per il regolare funzionamento delle attività.

Art.15 MEZZI FINANZIARI

Il patrimonio dell´Associazione consiste in tutti i beni che per qualsiasi titolo sia divenuti di proprietà sociale, quote dei soci, donazioni, lasciti e contributi vari.

Art.16 SOPRAVVENIENZE ATTIVE

Gli eventuali utili e sopravvenienze attive dovranno essere devolute dal C.D. al potenziamento delle attività, previa indicazione, non vincolante per il Direttivo, espressa dall´assemblea dei soci.

Art.17 MODIFICHE ALLO STATUTO

Le modifiche allo statuto, proposte dal C.D. o da un terzo dei soci, sono approvate con il voto dei 2/3 dei soci in Assemblea straordinaria.

Art.18 AMMINISTRAZIONE

L´Associazione è amministrata dal C.D. eletto dall´Assemblea ordinaria dei soci e resta in carica tre anni.
Il C.D. decade per dimissioni di almeno tre componenti. La carica di consigliere cessa con l´assenza immotivata per un massimo di tre riunioni. I componenti sono riellegibili. In caso di dimissioni o di decesso di un membro del Consiglio, questi sarà surrogato con il primo dei non eletti.

Art.19 COMPENSI

Nessun compenso è dovuto ai membri del C.D. o ad altra persona incaricata dallo stesso Consiglio.

Art.20 COLLEGIO DEI REVISORI

Il Collegio dei Revisori è composto da tre membri. viene eletto dall´Assemblea Ordinaria con criteri di particolare rettitudine e competenza e svolge funzioni di controllo e vigilanza.

Art.21 ESERCIZIO

L´esercizio finanziario chiude il 31 dicembre di ogni anno. Alla fine di ogni esercizio viene predisposto dal C.D. il rendiconto consuntivo e preventivo del successivo anno sociale, che sarà presentato, per l´approvazione, all´Assemblea Ordinaria da tenersi entro la fine del mese di gennaio.